IL PASSAGGIO A NORD OVEST

IL BLOG di Kamana Expedition Da Ovest ad Est, a Nord delle Americhe
No far from Gjoa Haven… the updated ice charts show the beginnings of an opening along the coastline

No far from Gjoa Haven… the updated ice charts show the beginnings of an opening along the coastline

11.08.2017.

8 Agosto ore 21.50 Local Time salpiamo da Cambridge Bay con equipaggio al completo e facciamo rotta su Gjoa Haven (N 68°37’ – W 95°53’ read the english version at the end of the post).
Situato a Sud Est dell’isola King William è originariamente stato un luogo di accampamento della tribù Inuit Nestilik da loro nominato “Uqsuqtuuq” che significa “molto grasso” in riferimento alle ottime opportunità di caccia. È tutt’ora un importante centro di manufatti tradizionali.

Nel 1903 Amundsen vi trovò riparo passando ben due inverni portando avanti esperimenti scientifici ed imparando dagli Inuit tecniche di caccia, viaggio e sopravvivenza.

Protetto da tutti i venti, è stato descritto dal nostromo di Amundsen il migliore piccolo porto al mondo.
L’ultimo censimento ufficiale del 2011 contava una popolazione di 1279 abitanti.

Mai smetteremo di ringraziare la natura, come da previsioni meteo arriva puntuale il vento favorevole che ci fa veleggiare per ben 200 miglia delle 250 che dividono Cambridge bay da Gjoa Haven.
Inaspettato l’incontro con nuovo ghiaccio portato sulla nostra rotta dal teso vento da Nord, nessun problema per Plum che esce ancora una volta a “prua alta“ dallo slalom tra i ghiacci.

Degno di nota il fatto di avere incrociato alle 16.30 il rompighiaccio nucleare “AMUNDSEN” la prima barca che arriva da EST attraverso i ghiacci, curioso  trovarci a “ metà del passaggio a nord Ovest.
Abbiamo comunicato con il comandante che ci ha gentilmente concesso la precedenza e aggiornato sulla situazione ghiaccio. Si è anche congratulato con noi per essere la prima barca avvistata quest’anno.

Fin troppo veloci arriviamo all’ingresso del fatidico Simpson Strait dove ancoriamo aspettando il cambio della marea e la conseguente corrente favorevole che può raggiungere 8 nodi in combinazione di fase lunare e rotazione terrestre.

A bordo tutto eccellente siamo carichi e confidenti, le ultime carte dei ghiacci indicano un inizio di apertura a ridosso delle linee costiere, un sensibile miglioramento rispetto a pochi giorni fa ma ancora assolutamente non navigabile .


On the 8th of August, at 2150 Local Time, we left Cambridge Bay with the full crew and head towards Gjoa Haven,  (68°37’N 95°53’W).

The village, found SE of King William Island, was originally an Inuit settlement of the Nestilik community. They called it Uqsuqtuuq which means “very fat”, referring to the abundant hunting in the area. Today, it’s still an important centre for traditional arts and crafts.
In 1903 and the following winter, Amundsen sheltered in Gjoa Haven while carrying out scientific research and learning the Inuit way of life: hunting, travelling and survival.
Amundsen’s Bosun described the bay as the world’s best small harbour as it’s protected from all winds.
The last census (2011) recorded 1279 inhabitants.

Like every day, we owe nature our thanks. As forecast, fair winds from astern allowed us to sail 200 miles of the 250 to Gjoa. Bergy bits which had been blown southwards onto our track were unexpectedly sighted but this was no problem for Plum as she glided through the murky sea, dodging any obstacles.

At 1630 we crossed paths with the nuclear powered CG ice-breaker “Amundsen”, the first boat to arrive here from the East. We enjoyed a mid-way chat with the Captain who kindly updated us on the ice situation and congratulated us for being the first boat sighted this year.

Almost too fast, we reached the notorious Simpson Strait where we anchored to wait for the tide, which reaches up to 8 knots, to turn in our favor.

Onboard, everything is excellent and everybody is energetic and confident. The updated ice charts show the beginnings of an opening along the coastline; it’s looking much better than just a few days ago but it’s still far from navigable.

Author: