IL PASSAGGIO A NORD OVEST

IL BLOG di Kamana Expedition Da Ovest ad Est, a Nord delle Americhe
Josephine Bay, our last shelter where we will wait for the perfect moment to head North

Josephine Bay, our last shelter where we will wait for the perfect moment to head North

16.08.2017.

Partiti alle 10 da Taloyoak, dopo otto ore di navigazione giungiamo a Josephine Bay, la nostra ultima postazione di avanguardia ad attendere il momento propizio (read the english version at the and of the post).
Abbiamo ancorato alla foce del fiume Garry, in un posto riparato da correnti e vento.
È sera ormai a bordo di Kamana e il sole, quella presenza costante sopra le nostre teste, sembra aver incendiato il cielo attorno a sé.

Mi piace stare seduto per qualche minuto nel tepore della dinette quando tutti sono a letto, ad ascoltare quei piccoli rumori e suoni della barca che la fanno sembrare viva, impregnata come ogni barca di storie e ricordi da raccontare.

Nell’ambiente illuminato dalla luce di iPad e plotter, il mio sguardo si posa sulla carta nautica, ben stesa davanti a me, accanto ai portolani impilati a lato del carteggio.
Il pensiero corre veloce ed inarrestabile indietro nel tempo, centinaia di anni fa, si spinge a bordo di quelle barche che per prime hanno provato a passare di qua. Senza strumenti, senza mappe, ma soprattutto senza sapere cosa ci fosse, cosa li attendesse il miglio seguente, spinti dal solo spirito di avventura e scoperta e con il cuore pieno di speranza.
Ammiro quegli uomini, quegli esploratori che non esistono più, che partivano verso l’ignoto nel solo intento di allargare i confini del mondo fino a quel momento conosciuto.
È anche grazie al loro coraggio se Kamana oggi può essere qui, e noi insieme a lei a sperare che la feroce e cruda Natura padrona di queste terre ci permetta di andare avanti nel nostro viaggio.

Ice Chart 16 Agosto kamana

Ice Chart 16 Agosto

La placca ghiacciata è ancora troppo solida e compatta, più passano i giorni più le possibilità reali che il passaggio si apra diminuiscono. Non ci rimane che imparare da quegli uomini e riempire il cuore di speranza, fiduciosi che ancora una volta la Natura farà la sua parte nel nome di una grande avventura.

 

 


We reach Josephine Bay after 8 hours of sailing, having departed from Taloyoak at 10am. This is our last shelter where we will wait for the perfect moment to head north.
We’re anchored at the mouth of the Garry river, protected from currents and wind. It’s now evening and the sun, that constant presence above our heads, seems to have set fire to the sky around it.

I’m enjoying taking a few minutes to sit in the cosy saloon now everybody is in bed, listening to the quiet sounds that make the boat seem alive, alive with stories and memories to be passed on.
iPads and chartplotters illuminate the room. My eyes fall on the nautical chart laid out in front of me and nearby, the sailing directions piled up next to the chart table.
Quick and unstoppable thoughts rush backwards in time, to a hundred years ago, when the first boats attempted this passage. They had no instruments, no charts, and most importantly, no idea of what followed, no idea of what danger was waiting for them in the next mile. They did have, however, a deep sense of adventure and discovery, and a heart full of hope.
I admire those men, those explorers that no longer exist, who would head out blindly into distant lands with their only aim being to extend the borders of the known world.

It’s also thanks to their courage that today Kamana can be here. We, together with her, hope that the ferocious and crude nature, mother of earth, allows us to continue our voyage. Currently the pack ice is still far too solid and compact and we are aware that every day that passes, the probability of being able to continue eastwards decreases.
Our only option is to learn from those explorers and fill our own hearts with hope, trusting that once more nature will do her part to help us in this big adventure.

Author:

anna geppe on agosto 16, 2017 AT 09 am

Enrico incrociamo le dita , siamo tutti con te perché l’impresa vada a buon fine . Vai gran capitano!